I mangiapannolini sono tutti uguali?

Il nome dice già tutto. Il mangiapannolini è un cestino speciale che ha il compito di inghiottire i pannolini usati. Questo articolo per l’infanzia, che negli ultimi anni sta ottenendo un forte riscontro tra le mura domestiche, riesce a contenere un certo numero di pannolini e ad isolare l’odore. Lo scopo principale dei mangiapannolini è infatti quello di evitare che la puzza possa diffondersi in casa. Usare la pattumiera classica non è la scelta giusta: ogni volta che si apre per gettare un rifiuto, il cattivo odore uscirà ed invaderà ogni stanza. Tutti ci avranno provato almeno una volta prima di convincersi dell’utilità e della funzionalità di un “maialino”. Prima di scegliere quale mangiapannolini faccia più al caso tuo, ti consigliamo di consultare questa pagina.

Le categorie

I mangiapannolini non sono tutti uguali tra loro. Questi articoli differiscono per dimensioni, colore, capacità. In realtà i modelli presenti in commercio si dividono in due grosse categorie: ci sono i “maialini” con smaltimento a sacco unico e mangiapannolini capaci di sigillare singolarmente ogni pannolino.

I modelli a sacco unico sono di grosse dimensioni perché capaci di accogliere un elevato numero di pannolini al loro interno. Per evitare la fuoriuscita della puzza questi cestini presentano un sistema con valvola. Un unico sacco sarà in grado di ospitare pure 30 pannolini usati. Ci sono poi prodotti di dimensioni superiori e dal costo più elevato che arrivano pure ad accogliere 100 pannolini sporchi. Questi “maialini” sono consigliati soprattutto quando in casa c’è più di un bambino piccolo o se in arrivo ci sono ben due gemellini. Meglio correre prima ai ripari e provvedere alla spesa prima della nascita.

Alla seconda categoria appartengono, invece, i mangiapannolini che sigillano i pannolino uno ad uno. Anche questo sistema è funzionale per isolare i cattivi odori e per fare in modo dunque che la puzza non si diffonda per casa. Si tratta di prodotti di qualità superiore rispetto ai precedenti proprio perché capaci di trattenere meglio l’olezzo. Questo sistema è considerato superiore sul fronte igienico. C’è da dire che questi “maialini” hanno bisogno, però, di un maggior numero di ricariche: un sacchetto per ogni singolo pannolino da buttare. La scelta va fatta dunque tenendo conto di tutta una serie di fattori: il costo delle ricariche, la presenza in casa di uno o più bambini in età di pannolini, il budget che si ha a disposizione per affrontare la spesa. A mamma e a papà l’ardua sentenza!